Rinko Kawauchi – Halo

Opening: 15.5.2018 ore 19
Rinko Kawauchi sarà presente
Exhibition: 16.5. – 16.6.2018
Con il Patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano

© Rinko Kawauchi ‘Halo’ / Courtesy of Christophe Guye Galerie, exhibition at foto-forum, Italy

“Su una piccola stella in una galassia, anche le creature più piccole continuano a svolgere i loro ruoli. Tutto sotto la luce del sole; Il tutto mantenendo un fragile equilibrio, come a camminare sul ghiaccio sottile; Il tutto cercando la bellezza, come nella preghiera; Tutto protetto, attraverso le innumerevoli sovrapposizioni dei rispettivi campi. “- Rinko Kawauchi
foto-forum presenta l’ultima serie fotografica di Rinko Kawauchi (* 1972, Giappone) ‘Halo’ in una mostra personale. Negli ultimi anni, il focus del suo lavoro si è allontanato sempre di più dai suoi precedenti sforzi di concentrarsi su delicati fatti quotidiani e soggetti.

© Rinko Kawauchi ‘Halo’ / Courtesy of Christophe Guye Galerie, exhibition at foto-forum, Italy

Con ‘Halo’, Rinko Kawauchi espande il suo viaggio iniziato nel 2013 per esplorare la spiritualità con la serie e il libro ‘Ametsuchi’. In questi lavori, si è concentrata principalmente sul paesaggio del vulcano giapponese Aso – i rituali scintoisti che ha osservato sono diventati un’ancora per le sue ulteriori esplorazioni.
La serie “Halo” comprende tre sezioni intrecciate che si occupano di diverse tradizioni spirituali. Una delle tre rappresenta “… innumerevoli uccelli migratori che [compaiono] in tutta Europa [in inverno]. … I loro movimenti assomigliano quasi a una danza. Si dice che questo comportamento serva per allontanare i nemici, ma solo gli uccelli sanno perché si comportano in questo modo. … Gli sciami più piccoli si uniscono uno dopo l’altro e formano un corpo collettivo massiccio – questo fenomeno assomiglia alla società umana. I loro movimenti appaiano come una grande ombra in movimento. È come sentire il potere non identificabile che deriva dall’essere parte di un grande gruppo “.
Un’altra parte della serie raffigura il festival “DaShuhua” della provincia di Hebei in Cina, che è esistito per molti secoli e si è formato quando le persone hanno cominciato a gettare ferro fuso sulle mura della città. Le scintille che vengono via formano una pioggia di luce, che per i poveri sostituisce i bellissimi ma costosi fuochi d’artificio. “Per coloro che vivono in povertà ogni singolo giorno è una battaglia – forse è naturale che questo rituale ci ricordi una lotta.” Ancora oggi, ognuno di noi deve superare le proprie difficoltà che possono essere invisibili agli estranei, ma reali per la persona interessata. “Nonostante queste tristi condizioni, ci troviamo a desiderare di testimoniare la bellezza.”

© Rinko Kawauchi ‘Halo’ / Courtesy of Christophe Guye Galerie, exhibition at foto-forum, Italy

Durante il decimo mese del calendario lunare giapponese, gli dei shintoisti non si trovano nei loro soliti posti in Giappone – questo si riflette nel nome del mese “Kannazuki”. Si riuniscono nella regione di Izumo – l’unica regione in cui il decimo mese è chiamato ‘Kamiarizuki’, che significa ‘il mese in cui gli dei sono presenti’. Durante questo periodo, un festival chiamato ‘Kami Mukae Sai’ si svolge a Izumo, dove la gente accoglie gli dei con le fiamme sacre che illuminano le rive mentre gli spettatori guardano. “Fisso lo sguardo sul mare nero come la pece e mi sembra che l’oceano oscuro mi stia chiedendo: hai trovato quello che cercavi? Non conosco una risposta. Invece, premo il grilletto. La luce intermittente si rifrange nelle gocce di pioggia, e loro brillano. Persino i pensieri delle persone in preghiera, invisibili all’occhio umano, prendono forma e si riflettono nelle gocce “.
Nel 2001, Kawauchi emerge internazionalmente, quando vince il Kimura Ihei Prize, il più importante premio giapponese per la fotografia emergente, e a seguire pubblica tre libri contemporaneamente: Utatane (nap), Hanabi (fuochi d’artificio) e Hanako, uno studio intimo di una giovane ragazza con lo stesso nome.

© Rinko Kawauchi ‘Halo’ / Courtesy of Christophe Guye Galerie, exhibition at foto-forum, Italy

Kawauchi, che attualmente è una degli artisti asiatici femminili contemporanei più famosi, fu la destinataria del premio Infinity annuale 2009 nominato dal Center of Photography di New York, nella categoria di arte e lo era nel 2012 per il Deutsche Börse Fotografie Preis. L’artista ha già avuto numerose mostre personali e collettive importanti, tra cui il San Francisco Museum of Modern Art, presso la Fondation Cartier pour l’Art Contemporain di Parigi, Kumamotos Contemporary Museum, Kunsthaus Wien, il Minneapolis Institute of Arts, il Tokyo Metropolitan Museum of Photography, il Semear Museu de Arte Moderna de Sao Paulo, il Vangi Sculpture Garden Museum a Shizuoka e a Bruxelles ARGOS Centre for Art & Media.

Christophe Guye Galerie

 

Under the patronage of the Consulate General of Japan in Milan

Tutela del dati Datenschutzerklarung Privacy Policy